Il comunicato stampa e il testo della proposta di legge per l'installazione di distributori automatici di profilattici e la distribuzione di materiale informativo nelle scuole superiori e nelle università, che ho presentato oggi a Montecitorio

Il comunicato stampa e il testo della proposta di legge per l’installazione di distributori automatici di profilattici e la distribuzione di materiale informativo nelle scuole superiori e nelle università, che ho presentato oggi a Montecitorio

aids_620x4291

Comunicato stampa:

AIDS:PDL BIPARTISAN PER PRESERVATIVO SCUOLE E UNIVERSITA'
APPELLO GIOVANI A MELONI, DOMOPACK COME CONDOM, CI SOSTENGA (ANSA) - ROMA, 01 DIC - Distributori di preservativi in scuole superiori e universita', accompagnate da materiale e campagna informative sull'Hiv e malattie sessualmente trasmissibili. E' la 'semplice' proposta di legge, tre articoli e 'a costo zero', presentata da Paola Concia (Pd) e sottoscritta da diversi parlamentari tra cui Benedetto della Vedova (Fli) e Mariarosaria Rossi del Pdl.
'I colleghi hanno ricevuto la proposta in casella insieme a un preservativo solo ieri e - scherza Concia - qualcuno mi ha chiesto informazioni sulla legge e anche su come si usa. Ma sono sicura che trovera' sostegno in Parlamento'. Perche' si tratta di una proposta che mira 'all'educazione dei giovani a una sessualita' responsabile' e perche' non avra' costi a carico dello Stato. Il testo prevede infatti un bando pubblico tra le aziende produttrici, che si dovranno caricare le spese non solo per installare i distributori, ma anche per 'stampare' il materiale informativo messo a punto dai ministeri della Salute e dell'Istruzione e Universita'.
Un passo necessario visto che 'solo 9 adolescenti su 100 usano il condom' e per la maggior parte 'l'Aids ormai non esiste piu''. Invece, come ha sottolineato Rosaria Iardino, presidente di Nps (Network persone sieropositive) 'ogni anno ci sono 5000 nuovi contagi e a Milano, come a New York, ci sono 2 nuovi casi ogni giorno'. Luca Sappino e Marco Palillo, giovani di Sel e Pd che hanno portato avanti una campagna di prevenzione a Roma lo scorso anno e che hanno 'ispirato' la proposta di legge, hanno fatto un appello al ministro della Gioventu' Giorgia MELONI: 'Almeno ci riceva per parlare di questa iniziativa e magari sostenerla, visto che nel corso della nostra campagna abbiamo incontrato ragazzi che ci hanno detto addirittura di usare il domopack come 'preservativo''. (ANSA).

Proposta di Legge:

XVI LEGISLATURA

PROPOSTA DI LEGGE  N. 3898
d’iniziativa del deputato CONCIA
“NORME IN MATERIA DI DISTRIBUZIONE DI PROFILATTICI E DI MATERIALE INFORMATIVO NELLE UNIVERSITÀ E NELLE SCUOLE SECONDARIE  SUPERIORI, PER LA PREVENZIONE DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI”

ONOREVOLI COLLEGHI! - Questa proposta di legge è un sasso nello stagno, una presa di coscienza e di responsabilità dello Stato verso un problema che ha costi umani e finanziari enormi, in crescita esponenziale contrariamente alle opinioni correnti.
Data la difficoltà con cui generalmente si affrontano i temi legati alla sessualità nel nostro paese, soprattutto se giovanile, il solo alimentare un dibattito pubblico rappresenta  già di per sé una buona notizia, utile a contrastare la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili (MTS) e del virus HIV, purtroppo tutt'altro che rallentata.
L'intenzione di questa proposta di legge è quella di assicurare ai giovani l'accesso agli strumenti propri della prevenzione. L’accesso cioè a una corretta e fruibile informazione e ai metodi più efficaci, trasmettendo loro, nella scoperta della sessualità, la definizione di quelli che sono i confini di una sessualità responsabile, libera ma consapevole dei rischi che comporta.
E’importante fare passare nella coscienza dei giovani, ma in quella di tutti noi, la consapevolezza del fatto che oggi l'AIDS si contagia prevalentemente attraverso rapporti sessuali non protetti, e non trova più quindi solo nella tossicodipendenza il terreno preferito per il contagio.
Una sessualità consapevole è quella che tiene conto, ad esempio, del fatto che la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili è in costante aumento, che lo è sopratutto tra le categorie tradizionalmente meno a rischio, e che la fascia di popolazione maggiormente esposta è quella dei giovani. Ad accompagnare la loro naturale scoperta della sessualità sono spesso tabù, paure e vergogne, veri e propri muri che impediscono la piena consapevolezza, la piena padronanza degli strumenti, culturali e pratici, della prevenzione. E solo occasionalmente si affiancano loro adulti competenti, amministrazioni sanitarie e scolastiche, o famiglie.
Tra gli strumenti di più provata efficacia preventiva c'è sicuramente l'uso del profilattico, troppo spesso motivo di imbarazzo, vissuto come elemento “altro” dal rapporto di coppia, estraneo alle abitudini dei giovani, di giovani uomini e (soprattutto) delle giovani donne, e non come un valido e fondamentale metodo di  contraccezione e prevenzione. E, se è vero che in diversi studi il problema principalmente riscontrato per quanto riguarda l'uso dei profilattici è la loro relativa difficoltà di reperimento nonché il loro alto costo, questo è ancora più vero per gli studenti. A ciò si aggiunge l’imbarazzo nell'acquistarli in luoghi come le farmacie o i supermercati, che non sentono loro, e non garantiscono un adeguato 'senso di protezione' ne’ di privatezza,.
Per diventare strumento principale di prevenzione, il profilattico deve essere affrancato da tabù, paure e vergogne, e per questo deve trovare spazio nei luoghi quotidiani della loro vita, primi su tutti le scuole superiori e le università. Questa proposta di legge intende proprio assicurare la distribuzione dei profilattici, contestualmente alla predisposizione di campagne informative e alla distribuzione di mirato materiale informativo, nei luoghi tatticamente più idonei a recepire il messaggio e a demolire pregiudizi, convinzioni errate e diffidenze.

Quella che proponiamo è una legge che vuole essere solo uno dei passi, né il primo né l'ultimo, verso la definizione di una corretta informazione e di una sempre maggiore possibilità di accesso alle pratiche della prevenzione. Un passo preciso e deciso, che non rappresenti però un moltiplicarsi dei costi e delle spese. Per questo la modalità indicata nel testo della legge, per arrivare alla capillare distribuzione del materiale informativo e dei profilattici, è quella della cooperazione tra pubblico e privato. Al Ministero della Salute, in collaborazione con le associazioni di volontariato sociale, competerà la redazione del materiale informativo e della campagna di sensibilizzazione. Andranno invece coinvolte attraverso appositi accordi le ditte che producono e distribuiscono profilattici, per sostenere i costi di installazione e manutenzione dei distributori, per coprire i costi di stampa del materiale informativo approntato dal Ministero della Salute e, inoltre, per raggiungere, nel rispetto degli standard qualitativi, il più basso prezzo di vendita possibile.

PROPOSTA DI LEGGE
Art. 1.
(Modalità e criteri per la distribuzione dei profilattici e del materiale informativo nelle scuole secondarie superiori e nelle università)
1.    Il Ministro della Salute provvede, entro tre mesi dalla entrata in vigore della presente Legge, con proprio decreto, a stipulare accordi, previo apposito bando pubblico, con i produttori di produzione e distruzione di profilattici al fine di ottenere, rispettando gli standard di qualità stabiliti dalla normativa comunitaria, il prezzo più conveniente.
2.    Il Ministro della Salute provvede con il decreto di cui al comma precedente, con cadenza stabilita dal Ministero secondo legge, a pubblicare i bandi nazionali per l’installazione dei distributori meccanici o elettronici di profilattici ed entro i tre mesi successivi darà indicazione alle parti interessate delle aziende e dei materiali selezionati.

3.    I vincitori del bando dovranno assicurare e sostenere interamente i costi di posa e manutenzione dei distributori, nonché i costi di stampa del materiale informativo approntato dal Ministero della Salute, nelle modalità indicate dall’art. 2 della presente legge.
Art. 2
(Linee guida per l’elaborazione del materiale informativo)
1.    Il Ministero delle Salute, di concerto con il Ministero dell’istruzione, dell'università e della ricerca, in collaborazione con le associazioni e le organizzazioni di volontariato e del privato sociale, predispone l’attuazione di campagne informative sulla prevenzione e sulla lotta all’Hiv presso gli istituti scolastici secondari e universitari e appronta il materiale informativo nazionale per una corretta informazione sessuale, per sensibilizzare i giovani sulle malattie sessualmente trasmissibili, sull'uso del preservativo, per una sessualità consapevole.
Art. 3
(Disposizioni per gli istituti scolastici secondari e universitari)
1.  Il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, con proprio decreto, adottato entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, determina le modalità per favorire la installazione di distributori meccanici o elettronici di profilattici, o altre modalità di distribuzione degli stessi, negli istituti scolastici di istruzione superiore, sulla base delle comunicazioni del Ministero della Salute.
2.  Gli Istituti scolastici e universitari devono, entro tre mesi dalla comunicazione del Ministero della Salute in merito alle aziende e ai materiali selezionati, nelle modalità previste dall’art. 1 della presente legge, oppure entro tre mesi dall’inizio delle loro attività, rendersi disponibili e favorire, indicando in autonomia il luogo più adatto nelle loro disponibilità, l’installazione delle macchine distributrici di profilattici e le modalità della diffusione del materiale informativo.

Paola Concia

Paola Concia

Abruzzese di nascita, mi sono laureata presso La Facoltà di Scienze Motorie de L'Aquila. Il mio impegno in politica ha avuto inizio negli anni ottanta nel Partito Comunista Italiano, poi nei Democratici di Sinistra e in seguito nel Pd, di cui attualmente sono membro della Direzione Nazionale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Chiudi