Il mio articolo su Donne Europa: Le "puttanelle" sui giornali dell'Italia moralista

Il mio articolo su Donne Europa: Le “puttanelle” sui giornali dell’Italia moralista

Le “puttanelle” sui giornali dell’Italia moralista

Babyprostitute, babysquillo addirittura babyescort e ragazze-doccia, questi sono i nomi con cui vengono definite da quasi tutti i giornali e i programmi di informazione le minorenni vittime di un giro di prostituzione che ha come attori principali papponi e clienti danarosi. Da giorni i mass media danno in pasto al pubblico le intercettazioni tra queste ragazzine, i loro sfruttatori e i loro clienti. Intercettazioni delle minorenni? Sì, proprio così. Nessuno si scandalizza, nessuno che chieda loro di fermarsi, di proteggere queste ragazzine dalla gogna mediatica. Non lo fa il Moige, che invece tuona e fulmina quando è solo pronunciata la parola omosessualità.

E già, che importa al Moige di quelle “puttanelle”? Non una parola dalle tante parlamentari, di destra e di sinistra, che al massimo, intervenendo sui giornali, additano le madri delle ragazze. Si sa che è sconveniente, per chi fa politica, criticare i giornalisti. Invece i giornalisti e i mass media hanno un ruolo importantissimo, contribuiscono a rendere un paese e una cultura migliore – o peggiore. Per questo hanno grandi responsabilità, nessuno escluso. I pruriginosi resoconti delle telefonate, sms e WhatsApp tra quelle adolescenti e i maschi bavosi e sfruttatori fanno vendere i giornali, asfissiati dalla crisi. Un metodo comodo, facile. E orrendo. Frutto di un paese che ha perso progressivamente la trebisonda. Un’Italia moralista da quattro soldi, pronta quotidianamente a mettere le mutande alle statue, posseduta da un demone maschilista plateale, sciatto e consapevolmente sfacciato. È sempre colpa delle donne, per natura puttane, tentatrici.

Nessuno adesso, davanti a questo scempio, si permetta di dire che è colpa di Berlusconi. Perché Berlusconi, che andava con le ragazzine, la gogna mediatica la ha subita, giustamente. E pure i processi. Piuttosto diciamoci che neanche davanti a ragazzine imbottite di cocaina, e pagate tanti soldi, riusciamo ad interrogare gli uomini, la loro sessualità. Dovremmo fermarci tutti un momento, e dire: la domanda fa l’offerta. Una domanda sempre crescente.

Sono 9 milioni gli uomini italiani che vanno con le prostitute. Tra loro sicuramente ci sono i miei amici: è una questione di percentuali. E allora facciamo tutti insieme un salto di coscienza, e per la prima volta cominciamo a chiamare le cose con il loro nome. Puntiamo i riflettori sui chi ha responsabilità vera e consapevole in questa vicenda: i clienti e gli sfruttatori della prostituzione minorile. Commettono reati gravi, puniti dalla legge.

Proteggiamo invece, in un cono d’ombra, le adolescenti, e interroghiamoci sui nostri errori di adulti.  Ma sveliamo, interroghiamo i volti, le vite, la psicologia di questi uomini. Raccontiamo le ragioni che li inducono a pagare ragazzine dell’età delle loro figlie. Vendiamo i giornali parlando in modo onesto, serio e lucido degli uomini, della loro sessualità. Mettiamoci tutti in gioco. Seriamente.

E per ultimo, vorrei dire a certe donne professioniste della lagna: dove siete finite? Dove siete stavolta, visto che una volta tanto c’era davvero bisogno di lagnarsi? Non è che anche voi pensate che sono un po’ “puttanelle”, quelle ragazze?

Anna Paola Concia, consigliera della Vice Ministro Guerra
@annapaolaconcia

Paola Concia

Paola Concia

Abruzzese di nascita, mi sono laureata presso La Facoltà di Scienze Motorie de L'Aquila. Il mio impegno in politica ha avuto inizio negli anni ottanta nel Partito Comunista Italiano, poi nei Democratici di Sinistra e in seguito nel Pd, di cui attualmente sono membro della Direzione Nazionale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Chiudi